Crea itinerario fino qui Copia il percorso
Escursione

Escursione attorno al Sassolungo

· 1 review · Escursione · Val Gardena Dolomiti · Chiuso
Logo Selva – DOLOMITES Val Gardena
Responsabile del contenuto
Selva – DOLOMITES Val Gardena
  • Sassolungo
    / Sassolungo
    Foto: Senoner Elisabeth, Selva – DOLOMITES Val Gardena
m 2100 2000 1900 12 10 8 6 4 2 km
Chiuso
media
Lunghezza 13,2 km
4:00 h.
398 m
392 m
2.681 m
2.180 m
Il sassolungo è la montagna che simbolizza la Val Gardena. Dalla forcella si gode di un panorama stupendo su tutte le montagne vicine come il Sella e la Marmolada. Ci sono varie escursioni che si possono effettuare nei d'intorni come anche innumerevoli arrampicate. Una bidonvia aperta solamente nel periodo estivo facilita la salita alla forcella. Con un po’ di fortuna avrete la possibilità di intravedere qualche marmotta.
Difficoltà
media
Tecnica
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
2.681 m
Punto più basso
2.180 m

Partenza

Coordinate:
DD
46.509355, 11.757396
DMS
46°30'33.7"N 11°45'26.6"E
UTM
32T 711539 5154337
w3w 
///pinze.alieno.guidano

Direzioni da seguire

L’inizio dell’escursione intorno al Sassolungo offre uno dei viaggi più spettacolari della Val Gardena. L’impianto circolare dal Passo Sella al Rifugio Toni Demetz conduce al punto panoramico più alto della Val Gardena ed è un’attrazione turistica. Altra particolarità di questo viaggio in funivia sono le cabine, che hanno l’aspetto di capsule allungate e posto per due persone sole inclusi gli zaini. Il viaggio in funivia è impressionante grazie alla vista dall’alto sulla “Città dei Sassi”, un cumulo di rocce crollate ai piedi del Sassolungo. La stazione a monte si trova proprio di fianco al Rifugio Toni Demetz. Per salite a piedi bisogna calcolare circa 1,5 ore, il sentiero serpentine conduce tra la Punta Cinque Dita e le pareti ripide del Sassolungo.

Dietro il Rifugio Toni Demetz si può iniziare subito il cammino verso il Rifugio Vincenza oppure osservare prima con il binocolo gli innumerevoli arrampicatori attaccati alle pareti. Si scende quindi dal circo glaciale per uno scomodo ma facile sentiero a serpentine, anche qui si ha una vista spettacolare sulle pareti rocciose e su una parte dell’Alpe di Siusi. Giunti in fondo al circo non manca più molto al Rifugio Vicenza.

Dal rifugio Vicenza non si scende lungo la strada percorribile ma si passa dal sentiero a serpentine 525. Da qui si cammina lungo il sentiero 526 a destra che porta al Passo Sella, prima conduce in pianura su pendii verdi lungo le pareti orientali del massiccio del Sassolungo. Si prosegue quindi sul lato nord del Sassolungo su un vasto campo di detriti con piccoli tratti arrampicabili verso il Rifugio Emilio Comici. Due sentieri conducono su detriti direttamente sotto alle pareti del Sassolungo: un sentiero in alto (526 A) e un sentiero più in basso parallelo al primo (526). Anche qui le precipitazioni hanno intaccato profondamente la roccia. In questo punto fra la roccia e i detriti il manto di neve non si scioglie neanche durante l’estate. Si prosegue su pendii verdi ricoperti di detriti fino al Rifugio Emilio Comici. Da qui il sentiero sale verso sud con una lieve pendenza verso la tona di caduta massi chiamata “Città dei Sassi”. In seguito di continua verso il Passo Sella, dove si possono ammirare ancora una volta le parteti imponenti della Forcella del Sassolungo.

In alternativa, dal rifugio Vincenza si scende il sentiero a serpentina 525 in direzione Monte Pana. Dai tornanti si ha ancora una volta una bella vista verso sud. Il sentiero conduce in un bosco di cembri e larici. Si scende per tanti tornanti non troppo ripidi verso fondovalle. Si ignora un percorso che devia dal sentiero principale e si continua a scendere verso il Plan de Cunfin. Il Plan de Cunfin non è solamente una perla paesaggistica, ma rappresenta anche un importante deposito d’acqua per la Val Gardena. Il sentiero porta tra boschi fino al Monte Pana, da dove si ha una vista spettacolare sul Sassolungo. Da qui si scende a S. Cristina a piedi, in seggiovia o in macchina.

Nota


Vedi tutte le segnalazioni sulle aree protette

Come arrivare

Con l'autobus o mezzi propri passare la Val Gardena raggiungendo il Passo Sella.

Coordinate

DD
46.509355, 11.757396
DMS
46°30'33.7"N 11°45'26.6"E
UTM
32T 711539 5154337
w3w 
///pinze.alieno.guidano
Come arrivare in treno, in auto, a piedi o in bici.

Attrezzatura

Equipaggiamento per l'escursionismo

  • Scarpe da trekking o scarpe da avvicinamento robuste, comode e impermeabili
  • Abbigliamento multistrato traspirante
  • Calze da escursionismo
  • Zaino (telo copri zaino)
  • Protezione da sole, pioggia e vento (cappello, crema solare, giacca e pantaloni impermeabili e antivento)
  • Occhiali da sole
  • Bastoncini da trekking
  • Provviste sufficienti di cibo e acqua
  • Kit di primo soccorso + cerotti per vesciche
  • Kit para bolhas
  • Sacco bivacco
  • Coperta termica
  • Lampada frontale
  • Coltellino tascabile
  • Fischietto
  • Cellulare
  • denaro contante
  • Dispositivi di navigazione /mappa e bussola
  • Informazioni di contatto per emergenza
  • Carta d'identità
  • Le indicazioni sull'equipaggiamento sono generate a seconda dell'attività selezionata. Servono solo come indicazione generale per aiutarti a individuare quello che dovresti portare con te.
  • For your safety, you should carefully read all instructions on how to properly use and maintain your equipment.
  • Please ensure that the equipment you bring complies with local laws and does not include restricted items.

Domande e risposte

Fai la prima domanda

Vuoi chiedere una domanda all'autore?


Recensioni

5,0
(1)

Foto di altri utenti


Stato
Chiuso
Recensione
Difficoltà
media
Lunghezza
13,2 km
Durata
4:00 h.
Dislivello
398 m
Discesa
392 m
Punto più alto
2.681 m
Punto più basso
2.180 m

Statistiche

  • Contenuti
  • Mostra immagini Nascondi foto
Funzioni
Mappe e sentieri
Lunghezza  km
Durata : ore
Dislivello  mt
Discesa  mt
Punto più alto  mt
Punto più basso  mt
Muovi le frecce per aumentare il dettaglio